Tag

, , ,

Le sorelle Simili sono due simpatiche signore, autrici di libri di cucina ed esperte nella panificazione e nella preparazione di paste fresche. Questa è, a mio avviso,  una delle loro ricette migliori…


Ingredienti:

Per il lievitino

135 g di farina di forza (manitoba)

13 g di lievito di birra

75 g di acqua

Per l’impasto

400 g di farina di forza (manitoba)

75 g di zucchero

120 g di latte tiepido

3 tuorli

1 cucchiaino di sale

120 g di burro ammorbidito

75 g di uva sultanina

75 g di scorza d’arancio candita (sostituita con pari peso di pinoli)

Per la glassa velante

4 cucchiai di zucchero a velo

1 albume

Per la glassa coprente

150 g di zucchero a velo

1 albume

+ burro fuso per spennellare l’impasto e la ciotola

Amalgamare tutti gli ingredienti per il lievitino e lasciare lievitare per 30 minuti in un recipiente coperto. Mettere a bagno l’uvetta in acqua tiepida.

In una ciotola o sulla spianatoia, mettere la farina a fontana, al centro aggiungere il latte tiepido, i tuorli, lo zucchero, il sale e amalgamare bene. Unire il burro un po’ per volta e impastare finchè l’impasto non si stacca dalle pareti della ciotola o se si è lavorato sulla spianatoia, non risulta più appiccicoso, ma omogeneo e abbastanza compatto. A questo punto incorporare all’impasto il lievitino, impastando energicamente finchè i due non sono ben amalgamati.

Mettere l’impasto in una ciotola spennellata di burro e farlo lievitare per un paio d’ore o finchè non ha almeno raddoppiato di volume.

A questo punto, senza lavorarlo ulteriormente, rovesciare l’impasto sulla spianatoia e tirarlo con il mattarello in una sfoglia di 2-3 millimetri di spessore.

Spennellare completamente l’impasto con del burro fuso e spargervi sopra le uvette strizzate e asciugate e le scorze d’arancia tritate a piccoli pezzetti.

Arrotolare il lato lungo della sfoglia.

Con l’aiuto di un coltello affilato, unto di burro e infarinato, tagliare a metà per il lungo il rotolo. Girare i due pezzi con il lato tagliato verso l’alto.

Tenendo il più possibile i due pezzi in questa direzione, formare una treccia.

Chiudere la treccia alle estremità formando un cerchio.

Mettere su una teglia rivestita di carta da forno. Spennellare con del burro fuso e fare lievitare per altri 30/40 minuti coperto sotto una ciotola  fino a che non raddoppia di volume.

Cuocere in forno a 200 °C per 20-25 minuti o più secondo il forno usato.  Nel frattempo preparare la glassa nella versione che si preferisce, diluendo lo zucchero a velo nell’albume fino a quando non assume una consistenza semidensa. Appena sfornata l’angelica, spennellarla con la glassa e lasciarla asciugare.

Io non ho usato nessuna delle 2 glasse ma ho semplicemente spolverato con dello zucchero a velo.

Annunci