Tag

, , ,

Questa ricetta l’ho trovata diversi anni fa qui in internet ma non mi ricordo il nome del sito, l’ho ricercato ma non sono riuscita a trovarlo…mi scuso quindi con l’autore della ricetta se non viene menzionato.

Ingredienti per 6 persone:

1 pollo

1/2 cucchiaio di estratto di carne

Olio q.b.

1/2 bicchiere di aceto

Un poco di cipolla tritata

1 acciuga

Sale e pepe abbondante

2 cetriolini sottaceto

1/2 cucchiaiata di farina

1 cucchiaiata di capperi

Vino bianco secco

1 spicchio di aglio

1 cucchiaiata scarsa di salsa di pomodoro

1 ciuffo di prezzemolo

Dopo aver nettato e risciacquato un pollo dividetelo in pezzi. Mettete sul fuoco una padella con un po’ d’olio e un po’ di cipolla tritata e lasciate cuocere la cipolla senza però che colorisca troppo. Aggiungete il pollo, lasciatelo rosolare e conditelo con sale e pepe abbondante. Quando il pollo avrà preso un bel colore oro scuro, spolverizzate con mezza cucchiaiata di farina e bagnatelo con mezzo bicchiere di vino bianco secco. Lasciate evaporare bene il vino ed aggiungete una cucchiaiata scarsa di salsa di pomodoro.

Fate cuocere un po’ il pomodoro, ricoprite il pollo con acqua bollente aggiungendo anche mezzo cucchiaio di estratto di carne. Moderate Il fuoco, coprite il recipiente e lasciate finire di cuocere pian piano in modo che a cottura completa, la salsa possa essere ben ristretta. Intanto mettete sul fuoco in una casseruola mezzo bicchiere d’aceto e lasciatelo bollire fino a che si sarà ridotto di quasi due terzi. Ne debbono restare un paio di cucchiaiate. Ora tritate nel tagliere un’acciuga lavata e spinata, un paio di cetriolini sottaceto, una cucchiaiata di capperi, una puntina d’aglio, e un bel ciuffo di prezzemolo. Mettete questo composto in una tazza e scioglietelo con l’aceto bollito.

Cinque minuti prima di togliere il pollo dal fuoco aggiungete il composto sciolto nell’aceto, mescolate, lasciate insaporire e poi travasate il pollo nel piatto insieme con il suo intingolo che dovrà essere molto denso. Potete contornare il pollo con crostini di pane fritto.

Questo è senz’altro un modo diverso di gustare il pollo, il suo gusto è più saporito rispetto al classico pollo arrosto, fritto, lessato o in graticola. In questo piatto il condimento viene a sopraffare il sapore della carne ma in senso positivo. Questo condimento è oggi tanto più valido con polli non “ruspanti” ma allevati in batteria e un po’ carenti di sapori propri. Se ben cucinato, disossato e con un’alice in più potrebbe essere servito anche come antipasto.

E’ sicuramente una ricetta facile ma lunga nella preparazione, vi   assicuro però che la bontà di questo piatto vi risarcirà del tempo impiegato per eseguirlo.

Annunci