Tag

,

La Pizza dolce di Pasqua che si fa dalle mie parti non mi è mai piaciuta: troppo asciutta, a volte con i canditi…così, avendo assaggiato questa torta che si fa nella zona di Tivoli ho cercato la ricetta e da quel giorno per Pasqua faccio sempre questa: dolce, saporita e molto molto profumata, ma soprattutto per niente asciutta. Io l’ho trovata qui.

Ingredienti:

6 uova

20 gr. di anice in semi

¼ di vermouth bianco

¼ di olio di oliva

800 gr. di farina

500 gr. di zucchero

1 bicchierino di rum

1 bicchierino di alchermes

1 bicchierino di cognac

1 bicchierino di cointreau

1 pizzico di sale

1 limone grattato

1 arancia grattata

1 bustina di vanillina

2 bustine di lievito

Mettere i semi di anice nel vermouth per ca. 12 ore affinché il liquore ne assuma l’aroma. Trascorso questo tempo, con una frusta sbattere le uova con lo zucchero fin quando il composto non sarà diventato spumoso; aggiungere poi le scorze grattate dei due agrumi, la farina, la vanillina, l’olio, il vermouth con i semi di anice e gli altri liquori amalgamando bene affinché l’interno della pizza, una volta cotta, non risulti “a chiazze” ma di un colore omogeneo. Per ultimo aggiungere il lievito continuando a girare. Intanto accendere il forno a 180°. Prendere un testo rotondo di alluminio leggero dalle pareti molto alte, cospargerne totalmente l’interno con del burro e infarinarlo (affinché il dolce non si attacchi e sia facile poi sformarlo una volta cotto). A questo punto versare il composto nel testo che dovrà essere riempito fino alla metà. Mettere nel forno caldo per molto tempo senza aprirlo controllandone la cottura attraverso il vetro; il composto aumenterà di volume fino all’orlo del testo assumendo la forma all’apice della tradizionale cupola. Quando quest’ultima si colorerà e si creperà (caratteristica della pizza) perché la lievitazione è ultimata allora aprire lo sportello del forno e saggiare con un lungo spiedino il dolce per costatarne l’eventuale cottura. Solo quando detto spiedino immesso nella pizza ne uscirà asciutto si potrà spegnere il forno. Attendere che si raffreddi prima di sformarlo; mettere la pizza, tolta dal testo, su di un foglio di carta assorbente a sua volta posto su una tavola, affinché si raffreddi ancora; infine imbustare in sacchetto di plastica per alimenti chiudendo bene. Il dolce così non perderà la fragranza e si manterrà fresco a lungo.

Annunci